Il Blog del Redattore

Il Matrimonio, perché evitarlo.

Scritto da Il Redattore on .

Una delle cose che mi son sempre chiesto riguardo al matrimonio, specialmente quando incontro uomini sposati che cazzeggiano allegramente nei Trombodromi, è: "A cosa diavolo serve ?". Vi confesso che in quasi quarant'anni di vita non sono ancora riuscito a darmi o ad ottenere da altri una risposta convincente.

"Eppure la gente si sposa..."Triste

Quello che invece so per certo è che tutti i miei amici ammogliati hanno tradito la moglie almeno una volta (ma gli amici puttanieri anche più di una Risatona), e questo è un dato di fatto. Oltretutto spesso si lamentano della vita coniugale che limita la loro libertà, maledicono il giorno che hanno scelto di sposarsi e sovente li sento dire: "AH! Se potessi tornare indietro..."

...Che poi la maggior parte di loro non tromba praticamente più con la propria moglie, se non una volta al mese quando va va bene o in occasione di feste/regali/eventi/viaggi particolari. Alcuni vorrebbero tanto liberarsi della loro palla al piede, a volte lo dicono, spesso lo pensano, ma sono consapevoli del fatto che essendo sposati avrebbero troppi svantaggi da un divorzio (specialmente con prole minorenne), e quindi continuano ad andare regolarmente a troie o a cercare storielle extraconiugali (quando, e soprattutto se, ne hanno la possibilità).
Non ho mai avuto intenzione di sposarmi, anche se di fatto ho vissuto con una per circa 7 anni (devo aver rotto uno specchio senza accorgermene) e da un punto di vista pratico è la stessa cosa, ad eccezione del fatto che non avendo contratti da rispettare ho potuto liberarmene facilmente senza conseguenze tangibili.
Sono sempre stato contrario al matrimonio per principio, un po' perché non ne vedo l'utilità pratica, un po' perché non sono religioso, e un po' tanto perché sono consapevole di non poter rimanere fedele ad una sola donna per tutta la vita. Non ho mai giudicato chi si sposa, ma nel mio piccolo ho sempre consigliato a tutti di non farlo. Uniche eccezioni sono i cosiddetti "Inutili", e "quelli a cui non piace la Topa"; infatti, i primi non hanno abbastanza "carattere" per vivere serenamente senza qualcuno a cui dover rendere conto di ogni propria azione o decisione, e nei secondi rientrano tutti quelli che per propria indole sono veramente poco interessati al sesso e alle donne, il che rende la loro monogamia molto facile da sopportare.

"Si, ma c'è tanta gente che si dichiara Felicemente Sposata..." Arrabbiato

 Beh(disse la pecora...) anche il mio collega di lavoro si dichiara "felicemente sposato" (ed anche i miei amici puttanieri amano i loro figli, ma questa è un'altra storia, qui si parla di matrimonio e moglie, non di prole). Il punto è che al mio collega non piace la Topa, o meglio, lui è uno di quelli che preferisce guardare la partita di calcio in tv piuttosto che farsi una sana scopata, ed è uno che ha sposato "un rutto con le gambe" quando aveva poco più di vent'anni, e per di più dopo averne provata solo una prima di quella. Inoltre vede la moglie solamente un paio d'ore la sera prima di addormentarsi e nei weekend quando lei è a lavoro e va a darle una mano in negozio... Però se questo vuol dire essere felicemente sposati è sicuramente un motivo in più per non farlo mai nella vita.
Mi vien da dire che i felicemente sposati forse esistono ma, o è gente sessualmente appassita, o sono individui cerebralmente limitati che non hanno idea di cosa ci sia "la fuori", ovvero fuori dal loro piccolo lineare e circoscritto mondo coniugale. Ma questo è solo il mio pensiero; magari sono io il cieco eh.Triste

"E quando sarai vecchio?" Arrabbiato

Bella domanda.
Non so se ci arriverò mai alla vecchiaia (ma qualcuno mi dica gentilmente a che età un individuo è da definire Vecchio, perché mi capita di sentir dire: "Poveraccio, era ancora giovane" riferito a gente morta poco prima dei settanta...). Comunque se dovessi arrivare almeno diciamo a 60 o 70 anni, mi immagino più o meno come adesso, un po' più imbruttito, meno prestante fisicamente, in generale meno reattivo, probabilmente con qualche acciacco in più e possibilmente con la "lista delle cose da fare" cancellata almeno all'80%. E soprattutto mi vedo sulle spiagge assolate di un paese dove raramente arriva il freddo e dove trovar la compagnia di qualche giovane o "un po' meno giovane" donna in cerca di soldi facili è tutt'altro che difficile...Bocca danarosa
Non voglio vecchie da accudire o che si prendano cura della mia vecchiaia. Se starò bene cercherò di godermi i giorni che mi restano, se starò male morirò senza rancore ripensando alla mia scapestrata vita, vissuta non nella paura di morire senza una donna al mio fianco, ma vissuta nell'immensa gioia di condividerla con quelle che riesco ad avere intorno finché respiro.

Idee e modi di vivere differenti, ma per alcuni il fatto di sposarsi e procreare a nastro è come se fosse un obbligo. Alla domanda: "Ma te perché ti sei sposato?", mi son sentito rispondere più di una volta: "Perché Lo Fanno Tutti", o "Perché Poi Da Vecchio...". E qualcuno mi ha persino risposto: "Perché Tanto Prima o Poi Va Fatto".

Se poi il sig. Berlusca (cito il primo riccone che mi viene in mente) decide di sposarsi più volte e fare figli a nastro, è palese che la sua vita non subirà alcun cambiamento o limitazione a causa di tale scelta.
...Forse alla fine, come per tutte le altre questioni pratiche della vita, anche per il matrimonio la soluzione è sempre e solo una questione di soldi. (...e chiunque afferma il contrario è un figlio di SCilvioLinguaccia).

O più probabilmente...

Da una parte, ci sono individui che vivono bene con se stessi e con gli altri senza "soffrire" la mancanza di un partner fisso (come me, che per esserne certo ho dovuto comunque provare anche l'altra opzione).

Dall'altra, esistono persone che senza un "partner di riferimento" si sentono perduti, incompleti o insoddisfatti della propria situazione, ma che una volta sposati cercano disperatamente le più disparate alternative alla routine del rapporto di coppia che inevitabilmente si crea dopo anni di matrimonio (ad esempio: ...Stai facendo il video? BRAVOH!Sorpreso).

Ma c'è anche chi trova la propria presunta serenità nel tentativo di imitare la famiglia del mulino bianco, facendo sesso per le feste da calendario (tanto l'importante è l'aMMMore) e concedendosi la partita di calcetto con gli amici per sfogarsi, ma solo se la moglie da l'OK. Che poi in verità anche lei la sera ormai ha solo voglia di guardare la De Filippi in tv o di stare su Feisbukk  a scrivere che suo figlio è "tutta la sua vita" (e fanculo il marito al quale dichiarava la stessa cosa pochi anni prima), o di lamentarsi, con le altre mogli degli amici del calcetto, che il cagnolino Fufi ha fatto nuovamente la cacca sul nuovo tappeto comprato all'Ikea Domenica mattina prima di andare a pranzo dall'insopportabile suocera (...bravo Fufi, complimenti Risatona).

"...E poi ci sono tutte le varie sfumature che rendono il mondo un posto meno noioso..."

Però dovremmo tutti sapere che esistono anche certe grottesche realtà, oltre alle presunte famiglie del mulino bianco dove l'ammmore regna sovrano tra i lobotomizzati. Lo stare insieme e il fare figli non sono certo una malattia da evitare ma, specialmente in presenza di un contratto di matrimonio, pongono dei limiti che qualcuno non è disposto ad accettare, e che qualcun altro invece accetta senza pensare alle conseguenze per poi pentirsi di tale leggerezza quando ormai è troppo tardi...

Voglio infine ricordarvi alcune inconfutabili verità, prima di lasciarvi alle vostre faccende quotidiane:

  • Il matrimonio è indiscutibilmente la prima causa di divorzio (con tutte le conseguenze nefaste che colpiscono l'uomo).
  • Il matrimonio è una gravissima forma di perversione sessuale in quanto è un atto contro natura obbligare un maschio a fare sesso con una sola femmina, e solo con quella, per tutta la vita "finchè morte non vi separi".
  • Il Matrimonio è un Contratto.
  • Per sposarsi è necessario avere dei testimoni, come per un duello o per un incidente.
  • Il matrimonio è quell'istituzione che permette a due persone di affrontare insieme difficoltà che non avrebbero mai avuto se non si fossero sposate.
  • Il matrimonio è come una trappola per topi; quelli che son dentro vorrebbero uscirne, e gli altri ci girano intorno per entrarvi.
  • Quando un uomo intende divorziare dalla propria moglie la colpa in genere è di tutti e tre.
  • Tutte le donne aspettano l'uomo della loro vita, però, nel frattempo, si sposano.
  • Le qualità di un uomo che maggiormente attirano una donna, di solito sono le stesse che lei non può più sopportare anni dopo.
  • Il marito ideale rimane celibe.
  • Una donna sposa un uomo sperando che cambi, e lui non cambierà. Un uomo sposa una donna sperando che non cambi, e lei cambierà.
  • La fedeltà è un forte prurito, con la proibizione di grattarsi.
  • "Il segreto di un lungo matrimonio? Andare al ristorante un paio di volte a settimana: Cena a lume di candela, musica romantica e qualche passo di danza.... Lei il martedì e Lui il venerdì."
  • La famiglia del mulino bianco non esiste!
  • "Meglio soli e a volte un po' malinconici, che in due e sovente incazzati".

 

Oh, poi ognuno è libero di rovinarsi la vita come meglio crede eh... Sorpreso

...Ciaociao "FaveAmmanettate!" Santarellino

Bellissime befane ignude al Marina

Scritto da Il Redattore on .

Salve cari amici del Trombodromo!

Ieri, martedì 5 Gennaio, invece di attendere il passaggio delle befane a casa, ho deciso di anticiparle e chiudere in bellezza il periodo festivo con una bella gita in modalità "toccata e fuga" al Marina di Nova Gorica. Oh, le Befane non c'erano, ma in compenso c'erano tante belle Sirenette.Fico

Preso in comodità e senza fretta alcuna, il viaggio di andata è stato caratterizzato da un po' di nebbia ma soprattutto dal pensiero di ritrovare le Sirenette che non vedevo ormai da un po' di tempo. Oltre a questo, avevo appuntamento in loco con alcuni punter "amici di penna" ed ero curioso di vederli all'opera in un trombodromo. Fico Avevo anche deciso di fare una sottospecie di cronaca in diretta, ma alla fine mi sono limitato a una manciata di aggiornamenti sui "fatti salienti" del giorno perché sono stato più impegnato del previsto. Comunque, sono arrivato al locale intorno alle 14:00 e...

Sbrigate le formalità di ciabatte e vestiario da fkk mi affaccio in spogliatoio e noto che il "mio" adorato armadietto prima fila in fondo a destra è già occupato; mi sposto quindi all'alternativo "ultima fila in fondo a destra", e in seguito al solito cambio di costume e a una bella doccia calda mi avvio su per la scala che porta alle sirenette. Ci sono ancora gli addobbi natalizi, alberelli e lucine qua e là che a parer mio danno un senso di festa nella perenne aria di festa di un trombodromo. Ma parlando di cose serie, queste erano le presenze femminili accertate e riconosciute nel corso della giornata: Bernadette, Miki, Erika Angela, Rina, Eva, Ina, Delia, Alina, Esmeralda, Gabriella, Emma, Anka, Isabella, Adela, Aisha, Nataly, Andraa, Amira, Marika, Melissa, Cristina, più alcune delle quali come al solito mi sfugge il nome ed altre a me sconosciute che tali resteranno poiché non mi interessano; in totale direi comunque una trentina di girls. Tra le assenze, era molto tangibile quella di Carmen, che per quanto piccola quando c'è si fa sentire; e in verità mi avrebbe fatto piacere rivederla, soprattutto da dietro. Risatona 

Primo Caffè, mi guardo intorno e vedo passare dietro di me uno dei punters che avrei conosciuto personalmente poco dopo, ma visto che era in dolce compagnia ho evitato di palesarmi rimandando ad un momento più consono. Nel frattempo vengo approcciato a gesti da una delle sconosciute al di là del bancone, e da Rina in agguato nella sua solita postazione. Pausa Marlboro in saletta fumatori, c'è Bernadette apparentemente in ottima forma, in compagnia di un paio di colleghe e di altrettanti avventori. C'è anche Marika e... Cazzo non si riconosce! Ha perso peso(tanto) ed ha ripreso forme umanamente piacenti; non è una velina, non è una teen, ma ha esperienza da vendere e tiene banco. E per fortuna continua ad avere il suo bel viso pacioccoso e quel simpatico atteggiamento da scaricatore di porto che la contraddistingue. Esco dall'affumicatoio, mi facio un giro di sala e parcheggio su un divanetto in attesa di nuovi eventi. Mi si propongono un paio di adescatrici, tra le quali Cristina. Ragazza interessante per i miei gusti, una skinny fisicamente minuta e papabile anche se non troppo figa nella visione d'insieme. Diciamo potrebbe avere un suo perché, decido di intervistarla un po' ma il suo atteggiamento non mi convince; non per niente fa parte del gruppetto di Melissa & Co. , belle ragazze, ma attitudine al social time pari a zero. L'unica che ancora si salva è la piccola Alina. Ed è proprio lei la terza assaltatrice. È da più di un anno che non la rivedo, più o meno da quando era appena arrivata al locale e ancora parlava solamente la sua lingua o poco più, e soprattutto non aveva esperienza nel mestiere in quanto poco più che diciottenne alla sua prima esperienza con il meretricio. Adesso invece si riesce ad avere una conversazione decente anche in italiano, e visto che di tmepo ne è passato parecchio e che comunque la sua compagnia è piacevole, decido di darle una possibilità, o meglio, sono curioso di vedere se il suo periodo di apprendistato ha dato buoni frutti. Un buon primo round per lei; ha imparato a gestire la situazione ed è tecnicamente molto migliorata. Ne esco soddisfatto e prevedo un futuro roseo per la sua professione, tant'è che, alla faccia della crisi e dei relativamente pochi avventori presenti nell'arco della giornata, lei almeno una decina di camere le aveva già fatte prima della mezzanotte.

Dopo il saldo rientro in sala già docciato. Ormai è tardi per il pranzo, dovrò atendere la riapertura della cucina alle 17, quindi birretta e divanetti in santa pace. Nella penombra vedo una tipa di azzurro vestita, "Eppure io quella faccia la conosco...", penso; ma la luce fioca in sala non aiuta e la sua acconciatura raccolta sulla testa inganna l'occhio. Di la dal bancone intanto transita Sor...ahem...Esmeralda che attira la mia attenzione. Solitaria come spesso la si vede in attesa del prossimo cliente. In questo mi ricorda molto una nota bulgarella Andiamina di tanti anni fa, che poco ha a che fare con lei in quanto a carattere, ma che per certi versi mi riporta alla mente la sua discreta presenza in sala a sorseggiare acqua e limone...

Nel frattempo dallo stesso lato del bar vedo muovere un manipolo di accappatoi portati in giro da almeno un paio di facce già viste. Sono i ragazzacci che dovevo incontrare la dentro; ci presentiamo e occupano i rimanenti posti liberi li accanto. Come al solito mi piace osservare gli altri prima di prendere confidenza, probabilmente è la mia indole da timido che comanda, o forse è semplice diffidenza nei confronti di sconosciuti non dotati di tette e vulva.Risatona Comunque scorpo che alcuni hanno un discreto background da puttaniere e scolto con piacere le loro storielle. Gente simpatica, sarà una giornata piacevole... Purtroppo sono l'unico fumatore, quindi dopo un po' mi assento e torno in affumicatoio. Dopo la fumatina in compagnia di alcune befanotte, torno in sala e non vedo più Esmeralda quindi raggiungo nuovamente i ragazzacci, ma solo per pochi minuti, finché lei non appare nuovamente e vado a salutarla. Con la sua solita aria da stordita che qualcuno non conoscendola potrebbe definire un po' "snob", mi accoglie sorridente e dopo una manciata di parole futili e inutili mi fa: "Che facciamo?" - "Boh", dico io, "Se hai le carte ci facciamo una partita", aggiungo. "Ok.", ribatte lei. - "Vai allora, prendile si fa una briscola", incalzo ridendo. - "E un bel pompino?", controbatte lei guardandomi con i suo occhioni scuri da zingarella. - "Ottima scelta. Hai vinto, andiamo in camera"... Un'oretta di piacevole compagnia e giochi senza frontiere. Per la giornata avevo preannunciato e previsto una "Sagra della Pompa, ma sia con lei che con Alina non sono riuscito a mantenere la parola ed ho ceduto alla tentazione della carne. Con una perché ero curioso di testarne le doti acquisite, e con l'altra perché mi è praticamente impossibile resistere al suo corpo. Comunque avanza anche il tempo di una pacifica doccia e mi godo lo spettacolo dell'acqua che le scorre sulla pelle intanto che gli angioletti intonano canti natalizi e gli uccellini cinguettano svolazzando in cerchio sulla mia testa...

Centoquaranta ben meritati per lei, e non sono certo un riccone, ma in certi casi non sento affatto il peso del denaro che se ne va; sono soldi ben spesi. Rientro in sala e mi dedico al cibo; in sala pranzo tra gli altri c'è pure esmeralda che mangia a ruota libera anche se il suo fisico è sempre perfetto, io per non essere da meno mi concedo un po' di calamaretti con le verdurine, poi le cozze, quindi faccio il bis e chiudo con un kiwi; poi a seguire un'altro caffè, una fumatina in santa pace, e più tardi ritrovo gli arzilli punters accampati sui divanetti in compagnia di una borsetta dalla proprietaria ignota. Un po' di pausa, altre due chiacchiere. Arriva la proprietaria della borsetta, scambiamo due parole, è Isabella, e purtroppo manca di senso dell'umorismo, ma in fondo sembra una brava ragazza, e in seguito a un primo approccio vagamente scontroso dimostra di poter essere forse una buona compagnia, anche se oggi non c'è posto per lei. La signorina bernadette è libera, seduta su uno sgabello del bar a guardarsi intorno. Intanto uno dei colleghi punters palesa un certo interesse nei suoi confronti quindi decido di attendere un po' prima di muovermi, ma lo vedo in stallo, quindi mi alzo in piedi e raggiungo la mia tettuta amica con l'intenzione di trascorrere la prossima mezz'ora in sua intima compagnia per dare un senso alla preannunciata "Sagra della Pompa". Chi meglio di lei per questo arduo compito? Probabilmente nessuna. Posso constatare con piacere che la sua tecnica di succhiatura è sempre impeccabile e trovo giusto che l'opera abbia una degna conclusione. Un cinquantino extra per l'adorabile tettona dagli occhi di ghiaccio, che come al solito non apprezza il retrogusto amaro delle verdurineRisatona. Gli angioletti e gli uccellini tornano a svolazzarmi in testa e penso a quanto sia bello fare il puttaniere, specialmente quando si ha a che fare con professioniste del calibro di Bernadette. Assolutamente impeccabile; l'ho già detto?Triste Tra l'altro mi dice che è il compleanno del dj e più tardi ci sarà una torta ed un blando festeggiamento in suo onore, quindi ci salutiamo, baci(con lei rigorosamente in bocca, anche se "per osmosi" ogni volta si fa una pompa a tutti i presenti) e "Ciao, ci vediamo dopo.."

La sala si riempie con gli avventori serali di passaggio. Continuo a guardare curioso la mora in azzurro e finalmente mi rendo conto che è proprio lei: Lidia! Non la vedo da un secolo e la mia memoria fa acqua da tutte le parti come al solito, ma non posso dimenticarmi della cara lidiuccia, ecchecavolo. Mi siedo accanto a lei; mi guarda; la guardo bene in faccia... "Lidia?", domando con fare titubante, anche se ormai sono convinto che sia lei. La sua risposta è un sorrisone che segue un divertente "Shhh! No no, io sono Delia, sono nuova!", il tutto mentre con il suo simpatico modo di fare mi fa l'occhiolino e ridacchia sguaiata... Si, è proprio lei, la cara vecchia Lid...cioè...Delia. È stato come incontrare un vecchio amico che non vedi da un sacco di tempo ma con il quale ti ritrovi subito a tuo agio, una bella sensazione. Parliamo dei bei vecchi tempi andati e di quando facevamo comunella con gli altri amici nel sottoscala dell'Andiamo; poi dato che comunque è li per "guadagnarsi la pensione", come dice lei, le do appuntamento a più tardi quando sarà il momento giusto e la saluto.

Un po' di "Cazzeggio time" in compagnia. Si aggiunge un'altro ragazzaccio al gruppetto, mi mangio la torta, facciamo una sommaria conta delle camere fatte, poi passa Emma che mi aggancia al volo, ci scambiamo due morsi e via in camera. Mezz'oretta con lei, sempre un piacere vederla all'opera, inutile aggiungere altro. L'unica cosa non già detta è che il suo nuovo look mi piace molto; non ha più quell'aria da pornosegretaria che sballa gli ormoni da lontano, ma in questa versione mora senza occhialetti assume una bellezza più pacata e naturale. Per il resto è sempre una grande professionista con esperienza da vendere, ma con quel tocco in più che la rende inimitabile...

La serata scorre via tranquilla e almeno un paio di compari sono fermi a 2 camere, il più giovane del gruppetto ha raggiunto quota 4 andando in rete con Anka Emma Marika e Roberta(ma potrei confondermi sui nomi, non ricordo bene chi ha trombato chi, chiedo venia)Linguaccia , ed io ho dato buca all'appuntamento con Delia, quindi dovrò rimediare al fattaccio e "sacrificarmi" onorando la parola data prima di rientrare nel Granducato.  Mi stendo sul divanone vicino alla cucina in cerca del meritato riposo, sperando di poter recuperare le forze necessarie a godermi l'incontro con Lid...Maremma diavola la mi' memoria... Delia, volevo dire, Deliah(e ci metto pure un'acca, magari funziona). Le signorine che stazionano solitamente in quell'angolo del "palazzo delle coccole" sono momentaneamente assenti, probabilmente in sala fumatori a spettegolare, ma l'inarrestabile Alina è ancora li pronta a far cassa. Faccio l'erore di salutarla e mi si fionda addosso come un giaguaro sulla preda. Sentir la sua nuda pelle tra le mani è sempre un piacere devo dire, ma il fratellino la sotto è moribondo, e anche se non lo fosse dovrei declinare il suo invito al bis perché non è da lei che voglio il colpo di grazia. Ma già che gli orsi liberi scarseggiano o sono impegnati con le colleghe, resta un po' li a farmi compagnia, nella speranza di convincermi anche dopo averle già detto che io la mia buona azione quotidiana l'avevo già fatta. Però li vicino a chiacchierare ci sono i miei nuovi conoscenti; e... qual migliore occasione per farsi due risate con l'ausilio dell'insana sete di denaro della giovane Alina? Probabilmente nessuna. Prendo dunque la palla al balzo e le dico: "Secondo me uno di loro ti porta in camera, hanno trombato poco oggi...". Gli occhi di lei si illuminano di nuova speranza e subito mi chiede "Chi? Qual'è, dimmelo dimmelo...". "E che ne so", replico ridendo sotto i baffi, "Prova a chiamarne uno e chiedi se ha bisogno!"; al che si mette in ginocchio praticamente sopra di me e inizia a chiamarli un po' tutti a raccolta a casaccio (e detto tra noi, in verità anche riposare un po' con lei svaccata addosso non era malaccio, ma questo è molto più divertente). Si volta uno, si volta un'altro e ci prova un po' con tutti... Io intanto me la rido divertito e spero che pure gli altri abbiano apprezzato lo scherzo. Alla fine Alina si attacca momentaneamente all'ultimo arrivato, ed io posso finalmente rilassarmi in attesa della prossima battaglia.

Poco dopo i compari iniziano a rientrare verso casa, saluto chi va, resto con chi resta, sfumacchio ancora, mi siedo di nuovo e cerco Deliah(ok, funziona, con l'acca non sbaglio...) Risatona, ma non la vedo. Nel frattempo son tornate al loro posto anche Cristina Melissa & Co.; butto l'occhio sulla Melissa, la conosco da quando ha messo piede nel locale, e ogni volta che la vedo il Regale Augello dei piani bassi mi sussurra: "Trombala trombala trombala...". Non l'ho mai ascoltato, ma potrebbe essere la volta buona. Invece no, anche stavolta passo oltre, Deliah è riapparsa in sala e poco dopo mi allontano dai superstiti per raggiungerla. "Ciaooo!, Allora? Ti senti pronto? Sei riposato? Tutto bene?", mi prende in giro lei scherzando su quanto le avevo detto in precedenza. - "E te sei in vena di miracoli?" Ribatto prontamente, ma conoscendo già la risposta alla mia sciocca domanda. E blah blah blah e blah blah blah, ci ritroviamo in camera. Di lei ho abbondantemente parlato in passato, ed è sempre la stessa. Non è la più figa del reame, è una ragazza normalissima che a vederla non ha niente di speciale, ma io amo i suoi pertugi e questo è un dato di fatto. L'ho già detto altre volte, parlando di vulve vagine o Tope che dir si voglia, che non tutte ovviamente sono uguali, ed alcune calzano a pennello sul proprio pisello (suvvia, almeno la rima l'ho fatta). Ecco, lei è una di queste; in più è una professionista coi fiocchi e come detto la considero un po' come un'amica. Chiudo in bellezza l'ora e la giornata con l'ausilio delle di lei delicate labbra in seguito alla solita bella galoppata,; poi con la bella immagine del suo sorriso, dopo averla salutata ed aver "contribuito alla sua pensione", intorno alla mezzanotte salgo le scale per l'ultima volta. Ritrovo l'ultimo superstite che poco prima della mia fuga aveva praticamente alzato bandiera bianca dopo l'incontro con Bernadette. Sono stanco, stanco ma felice. Sfumacchio una Marlboro in fretta perché la sosta in affumicatoio inizia a darmi un po' di fastidio; saluto il compare che decide di rientrare e dopo un breve riposo, saluto le donzelle che mi capitano a tiro, compresa Amira in vena di cazzate, e con calma prendo la via del ritorno dopo aver saldato in cassa i quattro euro del vino che non ricordavo nemmeno di aver bevuto.

...Fuori la nebbia avvolge tutto, copre il cielo e pure la dannatissima strada. "Sarà un lungo viaggio". La Trombomobile è calda, la musica piacevole, i ricordi indelebili. Tornerò prima dell'alba e continuerò a sognare tette culi e succulente labbra coi canini appuntiti...

 Un Grazie ai colleghi punters che hanno allietato la giornata con la loro presenza e le loro rocambolesche storie, ed un Grazie agli amici rimasti a casa per cause di forza maggiore tipo fidanzate, mogli e altre disgrazieLinguaccia, e a chi ha partecipato a distanza intervenendo sulla cronaca in real time tra le pagine di facebook. 

 

Il Redattore vi da appuntamento alla prossima volta e...

Ciaociao "FaveDaCompagnia!"  Santarellino

 

TromboNews(spicciole) di inizio anno.

Scritto da Il Redattore on .

Salve, cari amici del Trombodromo! Vi siete ripresi dai bagordi di San Silvestro? Io ho avuto talmente tante cose da fare in questi giorni che ho perso di vista lo scorrere del tempo. Eh si, sono già passati quattro giorni dall'inizio dell'anno e sento ancora la musica dell'Andiamo nelle orecchie e la Topa delle Andiamine sul... Ok avete capito, non iniziamo l'anno con troppe volgarità, siam puttanieri educati noi eh!Sorridente Ma bando alle ciance e diamo un senso a quest'angolo d'informazione spicciola. Intanto vi annuncio con piacere che nella sezione InfoTrombodromi è finalmente disponibile la scheda dell'Oceans di Düsseldorf. È da un po' che era in corso d'opera ma...

31/12/2015 - Villach e le Andiamine in Festa.

Scritto da Il Redattore on .

E anche questa è fatta...Il Capodanno all'Andiamo era già nella lista delle cose da fare, ma l'anno scorso decisi di andare al Marina di Nova Gorica sostanzialmente per due motivi: Era più vicino e si spendeva molto meno per la festa di San Silvestro. Quest'anno invece, nonostante l'Andiamo continui a rimanere più impegnativo da raggiungere, il gap sul prezzo d'ingresso per la festa di fine anno si è ridotto ad una differenza di poco più che venti euro (o una decina se prenotato in anticipo). Inoltre lo scorso anno al Marina ci fu quella brutta sorpresa riguardante l'aumento sul prezzo della mezz'ora in camera, da 70 a 100 euro, particolare che mi ha invitato a non tornarci in questa determinata occasione. Che poi a dirla tutta, negli ultimi giorni ero seriamente tentato dal raggiungere il...

FKK Aperti il 31 Dicembre

Scritto da Il Redattore on .

Il Natale si avvicina, il capodanno pure, il profumo di festa è nell'aria e in molti si stanno già organizzando per una notte di San Silvestro a base di gnocca e champagne. Per questo, e soprattutto perché le richieste di informazioni si espandono a macchia d'olio, andiamo subito a vedere insieme quali sono i locali fkk saunaclub e affini che hanno in programma il Silvester Party 2015. La lista è ancora un po' lacunosa per quanto riguarda i prezzi ma verrà aggiornata di volta in volta appena giungeranno notizie certe. Intanto vi dico che...

"Un giorno (im)perfetto..."

Scritto da Il Redattore on .

Ci siamo, è Sabato. Il secondo weekend di quest'ultimo mese dell'anno. La sveglia del nuovo smartphone low cost extralusso made in china ha iniziato a cantare alle otto in punto, e svegliarsi con Alicia Kiss che ti sussurra parole dolci è sempre un piacere, anche quando preferiresti dormire ancora un po'... Avevo un piccolo affare da sbrigare vicino Padova, niente di eccezionale, una piccola soddisfazione personale diciamo. Così, dal momento che Padova si trova esattamente a metà strada tra casa mia e Nova Gorica avevo una mezza idea di salutare un paio sirenette prima di rientrare in Toscana, giusto il tempo di fare un po' di ginnastica, mangiare qualcosa e rilassarmi tra tette e culi come al solito. Mi fermo al bar per la colazione, "Niente caffè" mi dico, "Tanto oggi va a finire che ne bevo uno ogni mezz'ora la dentro", quindi evito e prendo un tortino alla frutta e tè, rimandando l'assaggio della nera bevanda a più tardi... Il sole splende all'orizzonte, supero l'appennino senza particolari insidie e poi...

DIFFERENZE: SaunaClub FKK, Contact Bar, Night Club, Bordelli, Escort, Loft

Scritto da Il Redattore on .

Salve Cari amici del Trombodromo! Oggi sono qui ad illustrarvi le differenze tra le varie tipologie di locali dedicati al sesso a pagamento, ovvero quelle strutture dove operano le sexworkers/giovani meretrici/prostitute, che per comodità chiameremo semplicemente ragazze Pay. Esistono molti tipi di locali dove operano le ragazze Pay, dai più prestigiosi club di lusso ai più infimi appartamenti di periferia, ed ognuno di questi ha i suoi pro ed i suoi contro che spesso sono dettati dalla disponibilità economica del cliente, ma il risparmio a tutti i costi non sempre da buoni frutti, così come un locale costoso non assicura buoni risultati in camera o la soddisfazione di ogni singolo cliente. In questo articolo andremo ad analizzare le peculiari caratteristiche specifiche delle differenti categorie di Trombodromi esistenti. Premetto solo che li ho provati tutti, più volte. Non vi parlerò quindi di "aria fritta" o "per sentito dire dall'amico di un amico", ma cercherò di fare una panoramica basata su esperienze reali, lasciando quanto più possibile da parte i miei gusti personali per dare spazio a giudizi imparziali e non soggettivi...

"...E abbiamo schedato anche il MARGERITA"

Scritto da Il Redattore on .

Info di Servizio:

Come da titolo, dopo il precedente rinvio dell'inaugurazione e dopo un primo sopralluogo, finalmente è stata aggiunta la nuova scheda di recensione del night club fkk sauna MARGERITA di Nova Gorica che come al solito trovate nella sezione InfoTrombodromi. Sicuramente ci saranno da aggiustare alcuni dettagli ed è probabile che nel frattempo ci siano dei cambiamenti; ma il locale è stato appena riaperto ed un periodo di rodaggio è cosa assolutamente normale. La scheda verrà comunque aggiornata di volta in volta se ci saranno novità degne di nota.

TromboNews ...aspettando l'inverno.

Scritto da Il Redattore on .

TromboNews brevi e concise per dare uno sguardo ai locali di confine e al TopaMercato che vede le giovani meretrici spostarsi da un locale all'altro fin troppo spesso. Cominciamo col dire che, per quei pochi tra i suoi ammiratori che ancora non ne sono al corrente, la signorina Anka (ex Andiamo ex Marina) è ormai rientrata dalla sua lunga esperienza extraeuropea ed è tornata a Nova Gorica da più un paio di settimane. Al Marina Club intanto le cose sembrano prendere una brutta piega per quanto riguarda la sempre più accentuata tendenza a richiedere vari Extra per servizi che prima erano inclusi nella tariffa "standard"; naturalmente non tutte giocano al rialzo, ma alcune stanno calcando la mano, come ad esempio chi chiede i famosi 30€ per un French Kiss, cosa che generalmente con queste tariffe (70€ per la mezz'ora) o la fai o non la fai; ma non chiedi un extra per...

E quando meno te lo aspetti... SAMYA !

Scritto da Il Redattore on .

...Metti che un allegro puttaniere ti chiami appena esci da lavoro: "Oh, io sono a Colonia per una fiera, blah blah blah... Consigliami un bel localino dove andare nel weekend a trombare du' verginelle." ...Metti poi il fatto che non c'hai voglia di star li a spiegare il dove il come e il quando, e infine aggiungi una gran voglia di fare un salto in un Trombodromo TeTesco anche se avevi deciso di appendere il portafogli al chiodo per almeno un paio di mesi. Ecco, adesso mescola il tutto, e in un freddo sabato di novembre ti ritrovi un Redattore al Samya. E in esclusiva per voi, cari amici del Trombodromo, questi sono i fatti salienti del mio ultimo rocambolesco weekend in quel di Colonia...

Altri articoli...

In questo sito utilizziamo i cookie per monitorare i dati di navigazione degli utenti. Continuando la navigazione, dichiari di essere consapevole ed accetti l'utilizzo dei cookie.